La Scurcio

Benvenuti nel Vallone di Unerzio (Alta Val Maira)

Home | La Scurcio

A short description about the picture goes here A short description about the picture goes here A short description about the picture goes here A short description about the picture goes here A short description about the picture goes here A short description about the picture goes here A short description about the picture goes here A short description about the picture goes here A short description about the picture goes here A short description about the picture goes here A short description about the picture goes here
"La Scurcio" è il vecchio sentiero sul quale è transitato per secoli chi voleva raggiungere il vallone di Unerzio da Acceglio. Risalendo "la Scurcio" da Acceglio si incontrano i borghi di Frere del Gheit, si raggiunge Chialvetta con la chiesa e il piccolo cimitero e poi Pratorotondo, Viviere e Grange un tempo abitate tutto l'anno.
Negli anni 90, dopo anni di non utilizzo, abbiamo deciso di pulirla dai rovi e dagli alberi che l'avevano invasa e segnalarla per ridare la possibilità di raggiungere a piedi le borgate del vallone senza dover percorrere la strada carrozzabile. Molto raccontano, lungo il suo percorso, l'acciottolato, i muretti a secco, le fontane, le abitazioni nelle borgate che attraversa.
Abbiamo voluto chiamare il nostro sito con questo nome perché è bello far conoscere ai turisti, oltre alla natura incontaminata, i segni di chi un tempo qui abitava e lavorava.
Proprio con questo scopo abbiamo allestito il museo etnografico “La Misoun d'en bot” a Chialvetta, riattato il vecchio mulino di Pratorotondo e il forno di Gheit per testimoniare gli aspetti della dura vita di chi abitava il nostro Vallone.